Impressum

Für den Inhalt verantwortlich: Konzertvereinigung
Wiener Staatsopernchor

Opernring 2, A -1015 Wien
Tel: 0043 - (0)1 - 5124884

Webdesign

frameless & tableless
css-webdesign made by:
www.webdesign.akw.at

Webmaster E-mail:

CMS powered by:
www.gpeasy.com

Translation: Mag. Tania Oppel

Traduzione: Paola Bono

翻訳: Megumi Ijichi


Alle szenischen Fotos mit freundlicher Genehmigung der Wiener Staatsoper und der Salzburger Festspiele.

Social Network

Bookmark and Share

Amazon Online Shop

Ein Klick auf eines der Angebote öffnet den CD- und DVD Shop des Chores in einem neuen Fenster. Dort findet man eine große Auswahl an Aufnahmen unter der Mitwirkung der Konzertvereinigung und dem Wiener Staatsopernchor.

Multimedia

Presenze televisive

Proben zu DER FLIEGENDE HOLLÄNDER in der Wiener Staatsoper mit Christine Mielitz (Foto: KURIER).Il notevole interesse della TV per le produzioni dell'Opera di Stato e del Festival di Salisburgo spiega le frequenti apparizioni del Coro dell'Ass.Conc. sugli schermi televisivi. Almeno due volte a stagione il Coro appare in opere trasmesse in TV; a queste si aggiungono brevi resoconti nella pagina culturale televisiva, come quello trasmesso dall'ORF (televisione di Stato austriaca) sulle prove del DER FLIEGENDE HOLLÄNDER con Christine Mielitz (foto).

Video- Jukebox

Qui troverete piccoli video (in formato Flasch-Streaming) sull'Ass. Conc. Coro Opera di Vienna dall'anno 1975. Una piccola descrizione dei film si trova nella parte inferiore di questa pagina.

Abbiate pazienza! Il download dei filmati può durare alcuni minuti, a seconda della velocità del modem!

2002: "Treffpunkt Kultur" sulla ORF2

In occasione del 75° anno dalla fondazione dell'Ass.Conc. Coro dell'Opera di Vienna per la ORF nella trasmissione "Treffpunkt Kultur" Barbara Rett intervistò il Direttore dell'Opera Ioan Holender insieme a Daniela Wagner ed Erich Wessner (rispettivamente Presidente e Segretario dell'Ass. Conc.). Vennero trasmessi frammenti di prove e di rappresentazioni così da rendere un'idea del lavoro quotidiano di un membro del coro dell'Opera di Vienna.



Da sinistra a destra: la Presidente dell'Ass. Daniela Wagner, il Direttore dell'Opera di Vienna Ioan Holender e il Segretario Erich Wessner in Treffpunkt Kultur. (ORF2 il 29 Oktober 2002)

Nel nostro VIDEO-JUKEBOX (piu in alto) si può vedere una sintesi di questa trasmissione con i seguenti contenuti:

  • Parole iniziali di Barbara Rett
  • inaugurazione dell' "Opernball" 2001
  • brano da "Die Jakobsleiter"
  • Presidente Daniela Wagner riferisce sul lavoro di corista
  • Il tran-tran quotidiano di un corista
  • sala del coro con il Direttore del Coro Prof. Ernst Dunshirn
  • brano dal "Simone Boccanegra"
  • Direttore Holender che parla del coro
  • ricordo di famosi direttori
  • Aneddoti su Karajan raccontati dal Segretario dell'Ass.Conc. Erich Wessner
  • resoconto sulla "Turandot" del Festival di Salisburgo 2002
  • Libro di aneddoti

(Flash- Video- Streaming: 480x360px, 5:31 minuti, 19.7MB) Libro di aneddoti

2002: "Willkommen Österreich" sulla ORF2

Anche in Tv è stata presentata la raccolta di aneddoti "Ma qual è il suo "vero" lavoro?", e precisamente nell'ambito di una intervista condotta da Peter Tichatschek con l'autore del libro e membro del coro Wolfgang Equiluz nel corso della trasmissione "Willkommen Österreich". Oltre ad aneddoti tratti dalla vita di palcoscenico, vi si possono trovare importanti informazioni sul lavoro del coro dell'Opera di Vienna.

Nel nostro VIDEO-JUKEBOX (piu in alto) si può vedere una sintesi di questa trasmissione con i seguenti contenuti:

  • Parole intriduttive di Peter Tichatschek
  • Wolfgang Equiluz racconta un divertente episodio avvenuto durante una recita di Lohengrin all'Opera di Vienna
  • Wolfgang Equiluz racconta un aneddoto su Herbert von Karajan ed il suo allestimento del Rosenkavalier al Festival di Salisburgo.

(Flash- Video- Streaming: 480x360px, 3:20 minuti, 12.05MB)

2007: "Theatergucker" nella RAI

L'emittente regionale sudtirolese della RAI di Bolzano nel febbraio 2007 ha realizzato un servizio sul Dr. Ulrich Grossrubatscher e Mag. Konrad Huber, entrambi originari del Sudtirolo, membri del coro e del Consiglio di amministrazione dell'Ass. Conc. Coro Opera di Vienna.



Da sinistra a destra: il Dr. Ulrich Grossrubatscher (Amministratore delegato dell'Ass.Conc.), il Direttore del Coro Thomas Lang durante una prova nella sala coro dell'Opera di Vienna ed il membro del coro Mag. Konrad Huber (Cassiere dell'Ass.Conc.).

Nel nostro VIDEO-JUKEBOX (piu in alto) si può vedere una sintesi di questa trasmissione con i seguenti contenuti:

  • Prove musicali e di scena della Manon Lescaut di Puccini
  • Interviste con il Dr. Ulrich Grossrubatscher e Mag. Konrad Huber
  • Breve visita nei camerini e nella sala trucco
  • Spezzoni del Falstaff di Verdi nell'Opera di Vienna

(Flash- Video- Streaming: 480x360px, 5:04 minuti, 18.17MB)

2002 & 2010: Libri di aneddoti

2010: "Schuld ist immer nur der Chor"

Oper inside - in Anekdoten und Karikaturen,
erzählt von Wolfgang Equiluz.
(Amalthea Verlag Wien, 104 Seiten)
mit einem Vorwort von Jürgen Flimm (Salzburger Festspielintendant)
und Zeichnungen von Rolando Villazón.

Wer auf der Suche nach humorvollen Anekdoten über Dirigenten wie Karajan, Böhm oder Muti, Regisseuren wie Ponell, Wernicke oder Schenk, Sängern wie Villazón, Alvarez, oder Domingo, Direktoren wie Holender, Drese oder Wächter, den Wiener Philharmonikern oder den Wiener Staatsopernchor ist, wird in diesem Buch sicher fündig.

Wolfgang Equiluz hat aus all den amüsanten Vorkommnissen auf und hinter der Bühne mehr als 50 Geschichten rund um den Wiener Staatsopernchor ausgewählt und in humorvoller Art sowohl für Opernliebhaber als auch für "normale" Menschen für die Nachwelt überliefert. Für die optischen Glanzlichter zeichnet (im wahrsten Sinn des Wortes) einer der besten und gefragtesten Tenöre unserer Zeit verantwortlich: Rolando Villazón.
(Offizielle Buchbeschreibung des Verlages)


Von links nach rechts: Chormitglied und Buchautor Wolfgang Equiluz, Jürgen Flimm und Rolando Villazon mit einer seiner köstlichen Zeichnungen.


2002: "Ma qual è il suo "vero" lavoro?"

Aneddoti sul coro dell'Opera di Vienna
raccontati da Wolfgang Equiluz.
(Amalthea Verlag Wien , 96 pagine)
Con la prefazione di Otto Schenk
e grafiche di Gerard Hoffnung.

ll "Doggen-Palast" di Herbert von Karajan, il "Fenstersprung" di Otto Schenk oppure il "Fernduell" di Luciano Pavarotti sono solo tre esempi estrapolati dalla collezione dei quindici. Wolfgang Equiluz non descrive solo il quotidiano, ma le pagine più divertenti che riguardano la vita del cantante del Coro dell'Opera di Vienna.

Prefazione di Otto Schenk:
...La cosa che mi è sempre mancata nel teatro di prosa è stata la presenza delle "masse", che personalizza, per così dire sentimenti anonimi. Diversamente dal lavoro di prosa, l'opera ha il grosso vantaggio di avere un coro che riesce a colmare questo vuoto e diversamente dai solisti può rappresentare il destino delle masse...
Il coro dell'Opera di Vienna è stato uno dei primi con cui, giovane regista, ho fatto conoscenza. Ebbi subito l'impressione di avere a che fare con un'entità autonoma, una star in più, che si presenta sulla scena accanto ai solisti. Ciò che distingue il coro dell'Opera di Vienna è la sua gioia quasi perversa nel realizzare personaggi da commedia, fortemente caratterizzati. Il coro ed io eravamo sintonizzati sulla stessa lunghezza d'onda, entrambi trovavamo gran piacere nel comunicare "teatralmente"; spesso bastava accennare ad un gesto per scatenare la fantasia creativa del coro...
...A questo punto vorrei ringraziare il "mio" coro dell'Opera di Vienna. Posso affermare senza riserve che i miei maggiori successi li devo a questo coro - alla sua professionalità , alla sua passione ed al suo senso dell'humor ...


Da sinistra a destra: grafiche di Gerard Hoffnung, Otto Schenk alla presentazione del libro all' Opera di Vienna e l'autore Wolfgang Equiluz ospite in Willkommen Österreich.

Due brevi prove di lettura:
UNA DOMANDA PLAUSIBILE
Ai membri del coro dell'Opera di Vienna vengono spesso assegnati piccoli ruoli solistici. Talvolta sono ruoli non cantati, ma "solo" parlati. In un allestimento de "Il Flauto Magico" un membro del coro doveva rivolgere alcune parole a Tamino. In occasione di una recita il ruolo di Tamino fu affidato ad un giovane tenore che faceva quella sera il suo debutto all'Opera. Forse per questo motivo era particolarmente nervoso e la sua prestazione non sembrava all'altezza del compito. Questa circostanza ispirò al nostro collega una piccola variazione nel testo. Al posto di "Cosa ti spinge a penetrare nelle nostre mura?" chiese a Tamino alludendo alle sue arti canore "Cosa ti spinge a cantare nelle nostre mura?" Modifica che certamente non contribuì a tranquillizare il giovane tenore.

GERGO PER SPECIALISTI
Alcune indicazioni musicali dei direttori di coro, se avulse dal loro contesto, risultano per un profano facilmente fraintendibili. Per esempio l'invito alle donne del coro di tenere una nota di accompagnamento fino a che gli uomini hanno finito di cantare la melodia potrebbe suonare come segue: "Le donne restano distese (?) finché gli uomini sopra di loro non hanno finito". Una frase che, per l'ascoltatore non addetto ai lavori potrebbe sembrare più una molestia sessuale sul posto di lavoro, che non l'espressione di un raffinato lavoro di concertazione.

2002: Articoli giornalistici

Peter Blaha su PRO:LOG del novembre 2002:
... "Democrazia dei re" vengono soprannominati talvolta i Wiener Philharmoniker. Sostanzialmente questa definizione si può usare anche per l'Ass. giacchà© si tratta di una associazione culturale di grande prestigio che si amministra da sola. Nel 1927, anno di costituzione dell'Ass., nella Vienna musicale c'era un vuoto. Per la prima volta fece la sua comparsa un'associazione corale esclusivamente composta da cantanti professionisti, e questo evento non mancò di incontrare al più presto il meritato apprezzamento...
... L'Ass. nacque con l'intento di curare la grande letteratura per coro. L'impressione che questo scopo potesse essere realizzato con più efficacia nel passato viene confermata dai soci fondatori. Daniela Wagner: "I motivi per i quali abbiamo un po' perso di vista questo scopo sono diversi, alcuni sono di natura economica. Per esempio ci mancano i mezzi finanziari per riprendere la serie di concerti per Tutti i Santi come accadeva negli ultimi anni '70 e '80. Quel contesto ci offriva l'occasione per affrontare il grande repertorio di musica sacra. E´ anche vero che negli ultimi anni siamo stati particolarmente assorbiti dagli impegni operistici in Teatro. Sono stati inseritii nel repertorio molti titoli nuovi che abbiamo dovuto imparare da zero. Per i concerti rimaneva poco tempo"...


Ioan Holender nel PRO:LOG del November 2002:
...L'Opera di Vienna è nella posizione favorevole di poter disporre di due organici di livello mondiale che fanno da colonne portanti di questa istituzione: l'orchestra e il coro del Teatro dell'Opera che come Ass. Cult. Coro Opera di Vienna svolge una importante attività anche al di fuori del nostro teatro..
...Questa circostanza costituisce un grande vantaggio per l'Opera di Vienna poichà© la partecipazione a concerti esterni e al Festival di Salisburgo ampliano l'orizzonte culturale e forniscono nuovi stimoli di lavoro all'interno dell'Opera..
...Naturalmente l'Ass. svolge la gran parte della sua attività nell'Opera di Vienna ed i compiti che il coro assolve sono notevoli. Il loro amore per la musica i membri del coro lo dimostrano evitando di trascurare i loro compiti nel Teatro, riuscendo peraltro a condurre un'attività al di fuori di esso. Come direttore dell'Opera di Vienna mi congratulo con questa importante Istituzione per i sui 75 anni di presenza nella vita musicale austriaca e le auguro molto successo e altrettanti 75 anni di gloriosa attività .



Da sinistra a destra: foto di copertina di PRO:LOG, un articolo del Kronenzeitung ed uno del Salzburger Nachrichten.

Mag. Christian Kirchberger nel KRONENZEITUNG del 2 Okt.2002:
...La vita di un corista non è sempre facile. Anche se sera per sera sono sul palcoscenico e affrontano con bravura le opere più difficili, il pubblico applaude i grandi tenori e le dive. Spesso anche i più assidui frequentatori dell'opera non sanno che il coro non è formato da dilettanti, ma da cantanti professionisti il cui lavoro principale è interpretare il popolo di Siviglia o i Mandarini di Pechino...
...L'ammissione nel coro avviene tramite una selezione. Sono necessari vari anni di studio all'accademia musicale o al conservatorio. All'audizione non si tiene conto solamente della bellezza della voce, ma anche se la stessa può integrarsi senza problemi con le altre,*afferma il Direttore del Coro Ernst Dunshirn. Ci vogliono anni prima che un corista apprenda tutto il repertorio operistico in cinque diverse lingue...


Werner Thuswaldner nel SALZBURGER NACHRICHTEN del 30 Agosto 2002:
...Hans Weigel una volta chiamò il coro i "Wiener Philharmoniker fra i cori". Effettivamente il coro decise di fare come i Wiener Philharmoniker e cioè di esibirsi non solo in teatro, ma anche nelle sale da concerto...
...Il coro si sente molto legato a Salisburgo. Dal 1923 l'Ass. è una delle componenti fondamentali in quasi tutte le manifestazioni di opere e di concerti. Analogo ruolo svolge fin dal 1970 nella edizione pasquale del Festival, concepita da Herbert von Karajan.
...sul vero lavoro di un corista è diffusa una certa ignoranza. A volte un membro del coro si sente porre la domanda: "ma qual è il suo "vero" lavoro?" Chi fa questa domanda non immagina la mole di lavoro cui sono sottoposti i cantanti e la quantità di prove necessaria ad acquisire la padronanza del repertorio.

1927: Carmen

Qui troverete un'audio-clip tratta da una CARMEN (in lingua tedesca) eseguita all'Opera di Vienna nel 1927, anno di fondazione dell'Ass. Conc. coro Opera di Vienna. Questo è uno dei più vecchi documenti audio del Coro.

Habanera from CARMEN
MP3: 4:20 minutes, 4MB
Cast: Maria Olszewska with the choir and orchestra of the Vienna State Opera conducted by Leo Blech in November 1927.